Quando i membri del Rinnovamento Carismatico a Lomé (Togo) hanno scoperto, durante un’evangelizzazione in prigione, che i prigionieri non avevano acqua corrente, si sono mobilitati per scavare un pozzo. D’allora, i prigionieri possono beneficiare dell’acqua tutto l’anno.

 

Il Rinnovamento Carismatico Cattolico del Togo ha iniziato a evangelizzare nelle prigioni del paese più di cinque anni fa. Questa evangelizzazione viene portata avanti principalmente nell’Arcidiocesi di Lomé, nelle prigioni della capitale del paese, e di Tsévié, una città a circa trenta chilometri dalla capitale.

L’evangelizzazione nelle prigioni avviene in due modi:

1 – Assistenza ai prigionieri che vivono in estrema povertà. Il Rinnovamento Carismatico porta regolarmente cibo e vestiti ai prigionieri.

2 – La predicazione della Parola di Dio, seguita dalla preghiera di intercessione dopo la celebrazione dell’Eucaristia.

Nel 2018, sono stato invitato a predicare per tre giorni nella prigione di Tsévié. Il terzo giorno di predicazione, i prigionieri non si sono presentati alle 3 del pomeriggio come al solito. La ragione era che non avevano acqua per cucinare, essendo l’acqua un bene scarso nella zona.

Il responsabile ci aveva detto che i mesi da febbraio ad aprile erano i periodi in cui l’acqua spesso veniva a mancare.

I fratelli del Rinnovamento furono molto colpiti da questa situazione e decisero di cercare denaro per fare una trivellazione per fornire acqua alla prigione in modo permanente.

Per fare questo lavoro occorrevano circa 6.000 euro. Il Rinnovamento Carismatico dell’Arcidiocesi aveva la metà del denaro necessario. I responsabili, nel parlare con la persona che li stava aiutando nel lavoro di beneficenza per la prigione, hanno accolto con gioia la decisione di questa persona di finanziare tutto il lavoro.

I lavori sono iniziati dopo la benedizione del sito da parte dei sacerdoti. La perforazione è durata un giorno. Verso le 4 del pomeriggio hanno trovato l’acqua con sorpresa di tutti, dato che altre persone avevano provato a trivellare ma non erano mai riusciti a trovare l’acqua.

Dopo la perforazione, l’acqua è stata incanalata nel recinto della prigione. È stato costruito un supporto per le taniche d’acqua. Il Rinnovamento si è occupato del lavoro di rifinitura.

È un’opera di evangelizzazione che rende l’uomo felice mettendo a disposizione del prossimo il minimo necessario per vivere.

Che il Signore benedica tutti coloro che hanno fatto una donazione per rendere quest’opera una realtà.

 

Jean Christophe SAKITI

Membro del SIC di CHARIS