Il 26 settembre 2020 il Servizio Nazionale di Comunione di CHARIS Brasile (SNCCB) ha promosso un Incontro Nazionale Online in Brasile, rivolto a tutte le espressioni della Corrente di Grazia.

 

L’incontro si è svolto sul tema, “L’amore di Cristo ci ha uniti”, e ha avuto la partecipazione di: Monsignor Mario Spaki, Vescovo Referente di CHARIS presso la CNBB (Conferenza Nazionale dei Vescovi del Brasile). P. Alexandre Awi Mello, Segretario del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita; Jean-Luc Moens, Moderatore di CHARIS; Gabriela da Rocha Dias, rappresentante della lingua portoghese nel Servizio internazionale di Comunione di CHARIS; erano presenti inoltre sacerdoti, i membri del Servizio Nazionale di comunione de CHARIS Brasile, musicisti, tra altri fratelli che hanno guidato i vari momenti con l’obiettivo di seminare amore e unità in tutta la corrente di grazia.

Momenti di preghiera, di lode, di predicazione, di testimonianza, di adorazione e di intensa effusione dello Spirito Santo sono stati vissuti da più di undicimila partecipanti provenienti dal Brasile e da altri Paesi. 

Mons. Mario Spaki, ha sottolineato che “Papa Francesco ha stabilito come uno degli obiettivi di CHARIS la cura, l’amore e l’affetto per i poveri”. Ha aggiunto: “C’è una dimensione personale e una dimensione comunitaria che dobbiamo portare avanti nella corrente di grazia, aprendo il nostro cuore per accogliere i poveri non per giudicarli, ma soprattutto per amarli”.

La partecipazione del moderatore di CHARIS, Jean-Luc Moens, ha portato una speciale condivisione sull’interrogativo che Papa Francesco pronunciò sulla pandemia durante la Veglia di Pentecoste, quando chiese ai fedeli “come vogliamo uscire da questa pandemia? Migliori o peggiori?” Jean-Luc ha aggiunto: “… per questo ci apriamo allo Spirito Santo: perché Egli trasformi i nostri cuori e ci aiuti a uscirne migliori”.

Con le benedizioni di Dio riversate nell’evento, Katia Roldi, nel suo messaggio finale ha sottolineato “… durante questo evento tutti siamo stati travolti da una grande ondata di amore di Cristo che ci ha uniti e questo deve raggiungere tutta l’umanità”. E ha aggiunto: “I campi sono maturi, pronti per il raccolto, in attesa di noi lavoratori di questa messe, uniti, per mietere tutte le anime per il Signore”. E il momento è adesso! È arrivato il momento!”

L’incontro si è concluso con l’Angelus, dove è stata presentata la Preghiera a Maria, Madre dell’Unità, nata dal desiderio di pregare chiedendo l’intercessione della Madonna, poiché l’incontro è stato costruito attorno all’unità, che è anche uno dei pilastri di CHARIS.

Maria, Madre dell’Unità, “riempia i nostri cuori di amore e di gioia, affinché possiamo annunciare Cristo e la sua divina sapienza nascosta nella Croce”.

 

 

PREGHIERA ALLA MADRE DELL’UNITÀ

O Maria, madre dell’unità, insegnaci sempre come attraversare strade e costruire ponti che ci conducano alla vera unità. Intercedi presso il Padre per portare il battesimo nello Spirito Santo a tutte le persone, che in modi diversi cercano Dio e vogliono amarlo e servirlo. Riempi i nostri cuori di amore e di gioia in modo da annunciare a tutti Cristo e la sua divina sapienza nascosta sulla croce. Mostraci sempre la via sicura, della carità e dell’umiltà, al servizio dei più bisognosi. Guidaci, Madre, ad essere una cosa sola, proprio come il tuo diletto Figlio e il Padre sono uno, così che un giorno possiamo tutti godere delle gioie eterne. Amen.