Omelia di padre Alexandre Awi Mello durante la Conferenza dei Leader (venerdì 7 giugno)

 

Viviamo in un momento storico per la Chiesa universale. L’istituzione di un servizio unico per il Rinnovamento Carismatico Cattolico è molto più di una semplice “riorganizzazione amministrativa”. Non è il frutto di un desiderio di centralizzazione o esclusione dai servizi forniti da ICCRS e dalla Fraternità Cattolica.

La nascita di CHARIS è il frutto di una profonda comprensione dell’identità del Rinnovamento Carismatico come corrente di grazia. Una comprensione da parte della Chiesa stessa, che prende l’iniziativa attraverso il suo massimo rappresentante, il Santo Padre, di costituire un servizio unico per tutte le espressioni di questa corrente di grazia, senza escludere nessuno.

Non è stato il Rinnovamento Carismatico a chiedere al Papa di creare questo servizio. E’ stato il Papa stesso, nell’esercizio del suo ministero pastorale e della sua sollecitudine per tutta la Chiesa, che ha voluto creare questo servizio; affinché questa corrente di grazia potesse, da un lato, raggiungere tutti ovunque nel mondo, e dall’altro, rimanere aperta all’azione dello Spirito, evitando ogni leadership gerarchica o selettiva riguardo alle innumerevoli espressioni di questa corrente.

Il brano del Vangelo che abbiamo appena ascoltato è assolutamente provvidenziale! Uno splendido dialogo tra il Risorto e Pietro, capo del collegio apostolico. Stiamo partecipando a un incontro con importanti leader del Rinnovamento Carismatico di tutto il mondo e – come leaders – non è difficile metterci nei panni di Pietro.

Gesù, attraverso il suo più grande rappresentante sulla terra, Papa Francesco, ci sfida, sfida i dirigenti al servizio del Rinnovamento Carismatico Cattolico nel mondo.

Il testo è molto ricco e certamente potremmo dire molte cose, fare molte analisi esegetiche e spirituali. Molti di voi, come laici battezzati, pieni della potenza dello Spirito Santo, potete predicare molto meglio di me. Tuttavia, con umiltà, vorrei invitarvi ad una semplice riflessione sul Vangelo. Credo che ci offra almeno tre spunti importanti.

Primo, l’unica condizione per l’esercizio della leadership è l’amore, un amore al di sopra della media: “Pietro, mi ami tu più di costoro?” Secondo, la missione che il leader riceve è di servire il gregge; esserne il pastore: “Pasci le mie pecore”. Terzo, il modo per fare ciò è seguire la volontà di Dio: “Un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi… Tu, segui me.”

Il contesto di questo discorso di Gesù (gli inizi della Chiesa primitiva, alla presenza degli Apostoli che devono dare continuità alla sua missione) ci porta a un quarto spunto: l’ambito dove esercitare questa missione è la comunione.

 

Amore, essere pastori, seguire, comunione

Amore: Anche se fuggì nell’ora della passione di Gesù e lo rinnegò, il Signore confermò Pietro come capo degli apostoli. Gesù non lo rimproverò, non gli “rinfacciò” di aver promesso di rimanere fedele, ma di aver finito col tradirlo. Gesù gli fece sola una domanda: “Mi ami tu?” Per Gesù l’unica cosa che contò per affermare l’autorità di Pietro fu l’amore! Questo solo conta.

Tuttavia, una parola a volte non si nota: “Mi ami più di questi?” La mia testimonianza personale, è che in un’occasione durante un ritiro ignaziano, questa parola mi ha “spezzato”. Gesù mi ha chiesto di amarlo più di quelli che mi ha affidato. Io lo sapevo di amare meno di tante madri, padri e nonni, meno di tanti giovani che vengono da me per una conversazione o una confessione! Eppure, l’invito rimane: per nutrire le mie pecore, v’invito ad amarmi più di queste.

Servire, essere un capo servitore significa amare di più! La nostra unica competizione dovrebbe essere: chi ama di più, chi serve di più? E mai: chi comanda di più, chi ha più potere, chi è più prominente!

Essere pastori: l’invito di Gesù è di essere un pastore. “Pasci le mie pecore!” Inoltre, dal Vangelo sappiamo che essere un pastore significa prendersi cura, conoscere per nome, sacrificare la propria vita per il gregge. Essere un leader è sempre una funzione di servizio. La creazione di CHARIS – non come un organismo di governo, ma di servizio – rende ancora più chiara l’essenza della sua missione: servire il Rinnovamento Carismatico Cattolico in tutto il mondo, pascere con la testimonianza, con la generosità, conoscere e chiamare per nome tutte le pecore del gregge (senza escludere nessuno).

Hai ricevuto l’effusione dello Spirito Santo? Dunque, prendi parte alla “corrente di grazia”! Non è la missione di CHARIS – né di nessun altro – dire che questo gruppo, questa persona, questa iniziativa proviene dal Rinnovamento Carismatico o no! Non è la missione di CHARIS – né di alcun servizio nel Rinnovamento Carismatico – essere un giudice o parlare “nel nome del Rinnovamento Carismatico”. Il Rinnovamento Carismatico Cattolico non è un movimento; non ha una struttura di governance. Le comunità e i gruppi all’interno della corrente di grazia possono avere una struttura, ma la corrente della grazia no.

Seguire: l’obbedienza, in primo luogo, è allo Spirito Santo, che si manifesta nella Chiesa. La natura ecclesiale deve continuare a essere una nota caratteristica del Rinnovamento Carismatico. Da qui l’importanza di seguire il Papa, il capo visibile della comunione ecclesiale.

So che per molti di voi CHARIS è giunto come un “corpo estraneo”, come qualcosa che non hai cercato né voluto. “Un altro ti vestirà e ti porterà, dove non vuoi andare … Tu seguimi.”

Tuttavia, hai aperto il tuo cuore a questa grazia, a questa “sorpresa dello Spirito”. Perché era una richiesta esplicita del Santo Padre. Perché risponde anche allo spirito originario del Rinnovamento  Carismatico, espresso nei Documenti di Malines: una corrente di grazia, un frutto dell’effusione dello Spirito, che è ecumenico, caritatevole, cioè aperto a tutti quelli che ricevono questa effusione, aperta ai cristiani non cattolici, aperta al servizio ai più poveri.

Comunione: CHARIS è un servizio di comunione. La sua missione è “allargare la tenda”, cioè aiutare tutti i carismatici a sentirsi “dentro” questa corrente di grazia. La comunione è unità nella diversità! Non è l’uniformità. Come dicevo quando ero un pastore giovane, la comunione è una “macedonia di frutta”, non un “frullato di frutta”. Nella macedonia, ogni frutto conserva il suo sapore, il suo la sua consistenza, la sua forma e ognuno contribuisce al tutto con ciò che gli è proprio. Nel “milk shake”, il sapore di ogni cosa non è ben identificato. Iniziamo a discutere “Penso che ci sia la pera”; l’altro dice “No, è mela” o anche “sembra che ci sia della banana” … L’uniformità uccide l’originalità. Pensa alla diversità degli apostoli (Pietro e Paolo erano quasi come acqua e olio!). Pensa alla diversità delle Chiese da loro fondate. Tuttavia, tutti hanno cercato di vivere in comunione con la Chiesa Madre di Gerusalemme (e poi con la Chiesa di Roma).

Ci sono leader che difendono l’unità solo quando significa unità con lui, quando l’unità significa fare le cose a modo mio! Parlano di comunione per mascherare il loro desiderio di potere e di controllo, di avere tutti “uniti”, in “comunione” con lui / lei. Ma ci sono anche leader che approfittano del discorso sulla diversità per cercare spazi di potere, che non avevano fino ad allora.

CHARIS, perché non è una struttura di governo (né di potere), pone necessariamente l’accento sulla diversità: comunione di diverse realtà. Tutte le espressioni – gruppi di preghiera, comunità, scuole di evangelizzazione, mass media, grandi e piccoli, con riconoscimento pontificio o diocesano – tutti con lo stesso diritto di essere serviti e lo stesso dovere di servire l’umanità e il mondo intero. Il tutto con il dovere di rispettare lo “Spirito che soffia dove vuole e come vuole”.

Dio voleva che Maria fosse adombrata dal potere dello Spirito Santo non solo nell’Annunciazione per diventare la Madre di Gesù, ma anche specialmente nel Cenacolo. – Nel Cenacolo – in modo da diventare la Madre della Chiesa. Lei, che era piena dello Spirito, è Colei che implora questo stesso Spirito di amore, pastore, seguace e comunione non solo per la Chiesa nascente, ma anche per noi, qui riuniti in questi giorni di Cenacolo.

Domani, con l’incoraggiamento del Santo Padre e la veglia di Pentecoste, Dio vuole mandarci al mondo, essendo stati trasformati da com’eravamo quando abbiamo iniziato.

Maria ci aiuti nella conversione: affinché possiamo amare di più il Signore, servire meglio il suo gregge, seguire più fedelmente la sua Parola e coltivare veramente la comunione (unità nella diversità), come parte di quella corrente di grazia chiamata Rinnovamento Carismatico. Maria, la donna piena di Spirito Santo e Regina degli Apostoli, interceda per noi. Amen.